C'era una volta... la perla

21/03/2018

C'era una volta... la perla


e allora portano fortuna e serenità, non lacrime!

A volte le superstizioni, le mode, s'infilano nel nostro sguardo sulle cose e minano la nostra libertà d'indossare le perle, valorizzando quanto di bello la natura ci dona.

Quando abbiamo timore della nostra unicità e ci nascondiamo correndo dietro a quanto è di moda, a quanto lo stilista o il guru del momento ci invitano a fare.

E la serenità che colore e che forma può avere?

Dalla bianca luminosità e perfezione delle perle che indossavano le nostre madri su twin set di morbida lana, alla decisa presenza di perle nere su un abbigliamento non convenzionale, passando attraverso le rosee irregolarità delle perle barocche, tutto ci riallaccia alla natura, al suo lento crescere in profondità nascoste per poi mostrarsi splendide al collo, ai polsi, alle dita delle donne.

Con il dipinto di Botticelli, la bella Venere che nasce dalla spuma del mare. viene confermato il concetto di bellezza femminile che si amplia nel concetto di bellezza spirituale, infatti il portare perle regala ad ogni donna come un'aura di maggiore sensibilità, di attenzione agli altri. 

Non è la gioia esplosiva del diamante, dello smeraldo e del rubino, è il pacato sorridere della primavera che si rinnova nelle cose, nei gesti, nella vita fragile, come fragile è la perla.

Fragile ma elastica, adattabile a tutti i momenti del vivere quotidiano, dal lavoro in ufficio, alla serata a teatro, senza perdere la sottile eleganza che la contraddistingue, simbolo della continua rinascita della vita.

Infatti le perle soffrono se non vengono indossate, perdono lucentezza, colore, si disidratano, si screpolano.

L'amore per le perle s'impara da piccole mentre si osseva la nonna che ripone la collana nel portagioie e se non le abbiamo amate da bambine c'è spesso il timore che indossandole ci facciano sembrare "tanto signora", ma per questo c'è la soluzione, basta evitare la combinazione formata da collana mediamente corta, orecchini di perle piccole e tailleur formale con gonna a tubo. per il resto si possono unire fili di perle con diametri e colori diversi, indossarle su un maglione a collo alto e jeans o camicia a quadri. 

E l'unicità così è salva, e pur mantenendo uno stretto legame con il passato, si creano ponti per il futuro. 



Articoli recenti


Innamorarsi a Venezia

Pubblicato il 24/11/2018

Quello che amo

Pubblicato il 22/10/2018

Brera

Pubblicato il 23/05/2018